Basta saper aspettare

Ieri mattina mi sono alzato dal letto della Guest House pensieroso:
sono in questo limbo dove devo attendere la risposta dall’Italia se il mio passaporto può essere fatto qui direttamente dal consolato di Zagabria oppure se devo tornare per forza a casa per rifarlo.

Mi prendo il mio tempo, come sempre: faccio la doccia, una bella colazione e poi esco direzione consolato di cui ormai conosco la strada a memoria… E poi Zagabria non è così difficile da girare, ricorda un po’ Torino: è un reticolato unico.
Passeggiando verso il “patibolo” , mi domandavo se dall’Italia fosse già arrivata una risposta e quale fosse il suo esito… Ma già avere una risposta sarebbe stato un bel risultato perché ero un po’ stanco di aspettare. Poi pensavo anche a come avrei preso la notizia se fossi dovuto tornare in Italia… Ovviamente il viaggio avrebbe preso una piega diversa, perché questo mio sogno include anche il fatto che, finché non finisco il giro del mondo, non sarei ritornato a casa e questo avrebbe destabilizzato ogni mio piano… Ma ovviamente lo avrebbe solamente piegato e basta.. Senza spezzarlo e di conseguenza interromperlo.

Arrivo al consolato e come sempre…. Attendo. Dopo di che arriva una telefonata da mio padre, che intanto stava cercando di aiutarmi dall’Italia.
In verità non avrei potuto rispondere alla telefonata perché è vietato l’uso dei cellulari all’interno della struttura, ma ero troppo impaziente di avere notizie, così guardo per un po’ il telefono e decido di rispondere anche piuttosto velocemente quasi come se il cellulare mi scappasse dalle mani, sudaticce dal nervoso e dal caldo… Conosco così bene mio padre che dal saluto iniziale avevo già quasi capito… Mi informa che dalla questura di Cuneo mi avrebbero dato il nulla osta per poter fare il passaporto qui!! La gioia, anche se piccola, mi ha quasi commosso. Una volta ottenuta la conferma, anche io con un appuntamento per Venerdì mattina, esco … Con una voglia matta di correre e gridare… Ma mi avrebbero preso per matto, per cui ho iniziato a fare la cosa che meglio so fare in questo periodo: ho incominciato a camminare ad un ritmo frenetico… Di colpo è anche tornato quell’appetito che per qualche giorno mi aveva abbandonato…

Sono nuovamente libero… O quasi, a passaporto fatto! Ma ho la possibilità di ripartire presto..
Mi manca camminare per chilometri e potermi spostare vedendo cambiare il paesaggio piano piano… Mi manca dormire in tenda, mi manca cambiare l’aria ogni giorno… Mi manca la fatica ed il doversi inventare ogni giorno come vivere!

Tra poco sarò nuovamente sulla strada.. Che come ho già detto è sempre li che mi chiama e mi cerca… Ma lei sa aspettare, sono io quello impaziente.

Ho imparato un’altra lezione, non solo quella di dovermi tatuare il mio passaporto sulla pelle, ma anche di imparare ad avere “pazienza” : una dote e un’arte difficile da imparare, soprattutto per me.
La Pazienza è uno dei motivi per cui ho iniziato ad intraprendere un’avventura simile.
Vorrei diventare un cultore della Pazienza e credo che solo vivendo intoppi simili si possa imparare a praticarla.

Detto questo stasera avrei dovuto essere in diretta su Radio 2 ma per qualche intoppo non sono andato in onda. Se riuscirò a fare la diretta sarete come sempre informati

Nel prossimo post vi descrivo, ovviamente sempre a modo mio, questa stupenda città che è Zagreb…
Io intanto mi godo la bella notizia….. Festeggiandola con relax e spensieratezza!

P.s. La foto è della mia faccia ebete felice..

Sorridete Sempre

About the author: Mattia Miraglio

15 comments to “Basta saper aspettare”

You can leave a reply or Trackback this post.

  1. Olaf - 4 Giugno 2014 at 23:12 Reply

    Grande Mattia, ti ho sentito a Tropical e ora ti seguo ogni giorno, ti stimo e ti garantisco che ti seguirò fino alla fine del tuo viaggio,anche se i viaggi non finiscono mai…
    Buona vita, a presto…
    Olaf

  2. Francesco - 31 Maggio 2014 at 00:35 Reply

    …..Buon Cammino…..

  3. giulia - 29 Maggio 2014 at 23:05 Reply

    Ho ascoltato oggi caterpillar e ho sentito la tua intervista, quello che stai facendo mi sembra coraggioso ed entusiasmante, ti faccio un in bocca al lupo da Bologna!
    Diventare cultore della Pazienza mi sembra un obiettivo non da molti in questo periodo e mi accodo. Buona strada!

  4. gigi - 29 Maggio 2014 at 22:48 Reply

    Ho perso qualche “puntata” circa l’avventura del passaporto…. . Se si e’ risolta “bene” dimentica e prosegui…. . Fa’ esperienza anche questo. Ciao. Gigi.

  5. Giovanni - 29 Maggio 2014 at 18:14 Reply

    Ciao Mattia ,complimenti per il tuo coraggio, non ci conosciamo ma ti seguo dall’inizio della tua avventura.
    Ho visto dalle foto che monti la tua tenda vicino alberi ed acqua mi raccomando scegli bene dove sostare prendi le dovute precauzioni,scusami, ci teniamo moltissimo a te ed al tuo sorriso tu sai fare ciò che avremmo voluto fare ma. . . . . !
    Ad ogni intoppo, strappa un pelo della tua ormai folta barba così la tieni in ordine, scherzo . . . . continua a sorridere e vai così , sei tutti noi.

  6. Franco - 29 Maggio 2014 at 17:38 Reply

    Sono contento che tutto si sia risolto nel modo migliore.Buon viaggio.

  7. Giuseppe - 29 Maggio 2014 at 15:29 Reply

    …fantastico! , … buona continuazione per il tuo sogno ! aspettiamo i tuoi racconti 😉

  8. Claudia - 29 Maggio 2014 at 15:01 Reply

    Sono felice per te, ma ricorda che non è vera libertà se essa è legata ad un passaporto. Buona prosecuzione e buon viaggio!

  9. Stefania - 29 Maggio 2014 at 14:02 Reply

    Ciao concittadino…non ci conosciamo ma ho seguito un po’ preoccupata la vicenda del passaporto…sono davvero contenta si sia risolto tutto per il meglio, per una volta…buon viaggio!!!

  10. Anna - 29 Maggio 2014 at 13:37 Reply

    Grazi grazie grazie! Grazie al consolato, grazie a tuo padre e grazie anche al pizzico di fortuna che ci vuole sempre..
    Nonostante tutto resti inarrestabile!!
    Continuamo a seguirti!!
    Anna (Verona)

  11. Davide - 29 Maggio 2014 at 13:36 Reply

    Sono felice per te!

  12. dario tonso - 29 Maggio 2014 at 13:16 Reply

    Tieni duro ,non perdere la fiducia. Conoscendo bene Corrado , non ti fa’ mancare nulla .Buona camminata.

  13. Sergio - 29 Maggio 2014 at 12:53 Reply

    Big up!!! Yeah grande!

  14. Gilberto - 29 Maggio 2014 at 09:35 Reply

    ciao Matia sono Gilberto il marito di Nicole……..ho saputo del passaporto….. e ho anche appreso che hai risolto il problema! ti do un idea fai un paio di fotocopie e imboscale in giro sul tuo mezzo e poi metti nel pass. un foglietto con il tuo cell o email……magari chi lo” trova”si sensibilzza un po’. Ti seguo quasi ogni giorno…….. non mollare buon cammino continua a sorridere sempre! Un abbraccio by Gil.

  15. Irma - 29 Maggio 2014 at 08:13 Reply

    Contenta per la buona notizia! ^___^
    Ancora un poco di pazienza e potrai ripartire!
    buon cammino!
    Irma

Leave a Reply

Your email address will not be published.